Skip to main content

La nuova sfida di Euregio Plus: dal focus sulle forme pensionistiche complementari al supporto per lo sviluppo del territorio

La Società è stata costituita nel 2000 a Bolzano all’interno del progetto ‘pensplan’, promosso nel 1997 come iniziativa pubblica per la promozione e lo sviluppo della previdenza complementare nella Regione Trentino - Alto Adige.  

La natura del progetto ha caratterizzato la società negli anni per le competenze maturate nel settore previdenziale e in generale, per la capacità di essere un valido interlocutore di soggetti istituzionali responsabili di patrimoni destinati a perseguire precise finalità statutarie.

Pioniere in Italia nel comparto del minibond con l’istituzione di un fondo nel 2013 da 70 milioni, la società nel 2016 ha avviato un percorso di rivisitazione strategica optando per uno sviluppo che potesse mettere le competenze maturate negli anni nell’ambito della gestione e consulenza finanziaria, dei fondi pensione, del private debts e dei fondi immobiliari nonché le relazioni con gli investitori al servizio dello sviluppo del territorio.

A fine 2017 trova concretezza l’attuazione del progetto di trasformazione della società in società a controllo pubblico, “in house”, a supporto del territorio, braccio operativo dei soci per la produzione di beni e servizi utili a realizzare progetti di pubblica utilità.

La scelta di poter contare su una società di gestione del risparmio che persegue obiettivi pubblici nell’interesse dei propri investitori portando avanti progetti virtuosi di sviluppo dell’ecosistema locale comporta altresì un cambio di paradigma nella gestione del patrimonio pubblico il cui sviluppo promuove progetti di pubblica utilità. 

Nel novembre del 2018 il Presidente della Provincia Autonoma di Bolzano Arno Kompatscher, nonchè Presidente della Regione Trentino Alto Adige sintetizzava così il ruolo propulsivo della società a favore del territorio: “… si potranno attuare strategie concrete ed efficaci per lo sviluppo economico del territorio con effetti positivi in termini di PIL e occupazione grazie all’utilizzo di specifici strumenti finanziari, conferendo così maggior potere ed efficacia alla futura Euregio Plus SGR".

Il nuovo percorso è iniziato è ha chiare direttrici strategiche definite con specifici atti pubblici:

Gestione delle risorse finanziarie pubbliche al fine di generare ritorni economici da utilizzare nell'interesse della collettività:

  • Mandati di gestione su patrimoni/dotazioni finanziarie di enti territoriali/società controllate
  • Istituzione e gestione di un fondo sovrano locale o fondo di stabilizzazione, in cui accumulare negli anni risorse finanziarie da utilizzare nei momenti di crisi a favore della collettività

Valorizzazione immobiliare pubblica e sviluppo urbano:

  • Progetti di riqualificazione di aree e immobili dismessi quali ex caserme con il fine di individuare fonti finanziarie, modalità di gestione e funzioni da insediare
  • Ampliamento e completamento di immobili e infrastrutture strumentali allo sviluppo del territorio nell’interesse dell’ente pubblico e della collettività
  • Strutturazione di nuovi modelli di razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare utilizzato per fini istituzionali

Impiego di risorse provinciali per interventi che promuovano lo sviluppo economico:

  • Strutturazione e gestione di un fondo per start-up e PMI innovative
  • Razionalizzazione e coordinamento di iniziative similari presenti sul mercato a sostegno delle aziende

Sviluppo di iniziative che favoriscono il minor ricorso al debito e/o alle risorse pubbliche, ed in grado di attivare effetti moltiplicatori di risorse pubbliche e private nei settori:

  • Del risparmio energetico
  • Delle infrastrutture nel territorio

Strutturazione di iniziative nel settore del long term care da attuare, in tutto il territorio della Regione, in partnership con Pensplan Centrum che svolgerà il ruolo di soggetto promotore del progetto:

Molte iniziative sono state avviate o sono in uno stato avanzato di progettualità e riguardano interventi nell’ambito della riqualificazione energetica, della riqualificazione e valorizzazione di aree di proprietà provinciale, del sostegno alle start-up e alle PMI del territorio.

Crediamo nella forza del nostro territorio, nelle sue capacità imprenditoriali e nelle capacità di promozione e sviluppo promossa dagli enti territoriali, crediamo nella capacità della nostra terra di attrarre capitali di investitori di medio lungo termine interessati a promuovere progetti virtuosi che favoriscono ritorni economici adeguati ma anche tangibili benefici pubblici. 
 

 

blue-3
white
left